Telefono: +39 351 534 6330  |  Email: info@platinumsquare.it

Come è realizzato il Burj khalifa? Curiosità!

C’è un record mondiale che molti paesi vogliono avere, ed è quello di possedere l’edificio più alto del mondo. Record che al momento spetta a Dubai appunto con il Burj khalifa!

Tuttavia, attualmente la torre più alta è a Dubai negli Emirati Arabi Uniti, come previsto. La città tecnologica fondata nel deserto ha aumentato la sua popolazione del 600% negli ultimi tre decenni.

Vanta opere architettoniche inedite come il Burj Al-arab e la Palm Jumeirah Island. Ma il gioiello più rilevante di questa città è il Burj Khalifa, un gigante di 828 metri e 163 piani che ha avuto un costo di costruzione di 1,5 miliardi di dollari.

Ma come è stata costruita una tale opera? Quanto tempo, materiale e lavoro sono stati necessari per il processo? Continua a leggere e conoscerai le risposte a queste e altre domande.

Costruzione del Burj Khalifa

Nel gennaio 2004 iniziarono gli scavi per costruire la Torre in quello che sarebbe diventato il centro di Dubai. Una delle zone più riconosciute della città dove si trova anche il più grande centro commerciale del mondo, il Dubai Mall.
Anche il suo tempo di costruzione è stato eccezionale. La costruzione è iniziata nel 2006 e solo tre anni dopo è stata inaugurata la torre più alta del pianeta.

Per questo lavoro, ci sono voluti 1.325 giorni, e la cerimonia di apertura si è tenuta nel gennaio 2010. Per il suo impatto, il progetto è stato richiesto da diversi architetti e aziende internazionali.

Alla fine, è stato realizzato dallo studio Skidmore Architect di Chicago e il responsabile del progetto è stato Adrian Smith, responsabile anche della torre Jin mao e della Trump Tower di Chicago.

Per progettarla, si è ispirato al fiore chiamato Hymenocallis, che di solito cresce nel deserto e nei climi tropicali. La base dove è stata costruita la torre ha tre lunghi elementi intorno a un nucleo, imitando i petali.

Man mano che si sale, la struttura si stringe, questo si riferisce ad una strategia per una migliore stabilità naturale. Una questione chiave quando si costruisce un grattacielo come questo.

Il progetto è stato testato molte volte con i computer per garantire la sua sicurezza. Allo stesso tempo, le sue finestre hanno un design aerodinamico preparato per resistere a grandi tempeste e forti venti.

Tuttavia, Dubai è nota per le sue alte temperature in estate, che di solito raggiungono i 42 °C. Ecco perché ha 26.000 pannelli di vetro all’esterno che sono in grado di sopportare tutto quel calore.

È composto da un numero di pannelli che potrebbe coprire 15 stadi di calcio, qualcosa di incredibile, non è vero? Tutta l’imponente struttura e il design dell’edificio sono pensati per dargli un’estetica attraente. Ma soprattutto per aumentare la sicurezza, la resistenza e la stabilità, tenendo conto dei possibili fenomeni naturali che si verificheranno a Dubai.

Le varie forme che acquisisce man mano che sale sono progettate in modo che forze come i venti o le tempeste impattino in modo multiforme, cioè con la stessa intensità in ogni parte.

Questo preclude la torsione e la flessione dell’edificio, così come il moto ondoso che potrebbe verificarsi in forme più convenzionali. Senza dubbio, costruire un edificio con queste caratteristiche non è un compito facile.
Quanto tempo, materiali e lavoro c’è voluto per costruire il Burj Khalifa?

Per la sua rapida costruzione sono state necessarie ben 22 milioni di ore di lavoro, distribuite tra circa 12.000 dipendenti. Di cui c’erano più di 100 nazionalità, che hanno lavorato senza sosta in quegli anni, organizzati in turni di otto ore.

L’intera torre è composta da un totale di 39 mila tonnellate di barre d’acciaio e 330 mila tonnellate di cemento. Questo volume di cemento rappresenta il peso di circa 100.000 elefanti.

Se tutte le barre d’acciaio del Burj Khalifa sono disposte orizzontalmente una di fronte all’altra, potrebbero circondare un quarto del perimetro dell’intero pianeta.

Non solo punta alle altezze, la sua struttura sotterranea è incredibile. Perché Dubai ha terreni sabbiosi, che non sono i più adatti per questa classe di torri.

È stata installata una base con 192 barre di cemento che arrivano a più di 50 metri sotto terra. Al di sopra di questo edificio è posto un grande pezzo centrale di cemento che serve come fondazione principale per sostenere la struttura.

Sogni Dubai? Sogni un investimento immobiliare nel Burj khalifa? Contatta Platinum Square!

Platinum Square: è possibile contattarci tramite i seguenti canali ufficiali:

  • Tramite email a info@platinumsquare.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.