Telefono: +39 351 534 6330  |  Email: info@platinumsquare.it

NFT e Metaverso artistico a Dubai

Un serio cambiamento nella scena artistica globale è in corso con un crescente interesse per i mezzi digitali, inclusi gli NFT.

Di ritorno con la prima fiera su larga scala dall’inizio della pandemia COVID-19, la 15a edizione di Art Dubai sta esplorando nuove frontiere con il lancio della sua nuova sezione che mette in evidenza l’arte digitale e NFT (gettone non fungibile).

Accanto alle regolari vetrine contemporanee e moderne, Art Dubai Digital ha riunito 18 gallerie alcune delle quali sono state fondate solo negli ultimi anni. La nuova sezione è stata creata in risposta a un serio cambiamento nella scena artistica globale, che ha visto un crescente interesse per i mezzi digitali e l’ascesa dell’arte NFT.

“Abbiamo osservato come l’universo digitale si è sviluppato e ha avuto una voce più forte durante la chiusura”, ha detto il direttore artistico di Art Dubai Pablo del Val.

“Quello che volevamo è mettere insieme qualcosa che potesse essere un progetto a 360 gradi, che potesse diventare un ponte tra il digitale e il fisico, dove entrambi i mondi possono unirsi”. “Prendendo in considerazione che Dubai è diventata una capitale della crittografia, è un luogo dove stanno arrivando alcune delle menti e dei progetti più eccitanti”, ha aggiunto.

Le NFT al momento sono come un intero universo a sé stante – un universo in cui la gente ha paura di entrare perché la gente non ha conoscenza di questo universo. Penso che questa sia un’edizione che si sta facendo avanti, che sta portando qualcosa di nuovo“.
Si è potuto vedere come la tecnologia può essere utilizzata per rendere l’arte più interattiva e coinvolgente. Le sue opere catturano la bellezza dello spazio esterno e come la tecnologia moderna ha influenzato il nostro pianeta.

Gli spettatori hanno usato i loro smartphone per vedere le caratteristiche animate AR sui dipinti e le sculture, o scattare foto con le opere.

Se lo smartphone assorbe completamente l’attenzione dei nostri contemporanei, perché non guardare i dipinti attraverso lo schermo del telefono e imparare una storia oltre la tela? Ci stiamo adattando a nuove condizioni; in molte aree la nostra vita diventa digitale. La pandemia è servita come catalizzatore, ci ha fatto pensare a modi per rendere possibile alle persone di visitare i musei pur rimanendo a casa, ai tipi di esperienza che possiamo abilitare attraverso gli schermi”.

“Ironicamente, come pittore ero inizialmente contrario a qualsiasi progresso tecnologico. Credevo che non ci fosse niente di meglio della carta o della tela con un po’ di vernice sopra”, ha aggiunto. “Tuttavia, questi tempi hanno cambiato significativamente la mia opinione, mi hanno fatto capire che le nuove tecnologie sono solo un nuovo strumento nella tavolozza dell’artista”.

Touch screen, codici QR e cuffie VR hanno invitato gli utenti a partecipare alle opere e ai film, trasformandoli da spettatori a partecipanti.

La sezione digitale non solo ha introdotto questi artisti e gallerie NFT alle istituzioni stabilite, ma ha anche demistificato la tecnologia e la terminologia – come criptovaluta, conio e blockchain – ai potenziali collezionisti e artisti interessati ad allargare i loro orizzonti.

Campus Art Dubai – un ramo no-profit della fiera che gestisce programmi educativi per gli studenti d’arte – quest’anno ha collaborato con NFT art marketplace Materia per un workshop di otto settimane per gli artisti degli Emirati Arabi Uniti. Le opere d’arte NFT risultanti sono state esposte alla fiera.

“Bellissime gallerie metaverse”.

Morrow Collective, una piattaforma curatoriale di NFT con sede negli Emirati Arabi Uniti fondata l’anno scorso, vuole rendere l’esperienza di NFT più coinvolgente, attraverso la curatela di mostre. I tablet allineavano le pareti del loro stand, mostrando opere d’arte colorate e leggermente animate, che variavano da ritratti iperrealistici a disegni digitali pop art.

“Sono un’artista di NFT dal 2020 e ho notato nel mio tempo di NFT che non c’era davvero un sacco di curatela”, ha detto Jen Stelco, co-fondatrice di Morrow.

“Sembrava tutto un po’ un casino ed era difficile trovare quella che noi consideriamo la buona arte, o l’arte che ha una certa sostanza”.

“Da allora ci siamo riuniti per curare le NFT, trovare modi per aiutarle a raccontare storie e avere un dialogo tra di loro e presentarle in un modo diverso, piuttosto che solo su una piattaforma NFT dove stai scorrendo, come Instagram o Google Images”, ha aggiunto.

“Abbiamo queste bellissime gallerie metaverse … e le curiamo in mostre d’arte nelle nostre gallerie, per creare più di un’esperienza artistica vera e propria, ma in modo digitale”.

Molta dell’arte NFT è in gran parte sperimentale, vedendo cosa si può ottenere con la tecnologia, piuttosto che creare arte con un significato o uno scopo. Tendenze o temi popolari devono ancora emergere.

Sogni Dubai? Sogni un investimento immobiliare a Dubai? Un investimento Immobiliare Luxury in Italia? In Grecia? Contatta Platinum Square!

Platinum Square: è possibile contattarci tramite i seguenti canali ufficiali:

  • Tramite email a info@platinumsquare.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.